Allattamento al seno, bambino felice

Allattamento con latte in polvere

Dal momento della nascita, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda l'allattamento al seno esclusivo come unico alimento del neonato. Nel caso in cui ciò non fosse possibile, esistono tipi di latte in polvere adattati al grado di maturazione del suo sistema digerente, che forniscono le sostanze nutritive necessarie al suo sviluppo.

0-3 meses
  • Come scegliere il miglior latte in polvere?

    Prima di tutto bisogna analizzarne la composizione e scegliere quello che contiene gli elementi nutritivi essenziali alla crescita. 

    In un neonato la maggior parte degli organi e dei tessuti si sta ancora sviluppando. Dal cervello al sistema nervoso centrale, quello immunitario e le sue difese, la funzione visiva, la mineralizzazione delle ossa e dei denti...Per questo, e nel caso in cui l'allattamento al seno non fosse possibile, è imprescindibile trovare un latte in polvere che apporti le sostanze nutritive essenziali per il suo corretto sviluppo. Consulta il tuo pediatra!

Latte per lattanti sani:

  • Latte di tipo 1. Indicato per l'alimentazione dalla nascita fino all'introduzione dell'alimentazione complementare, intorno al 6º mese.
  • Latte di proseguimento. . Conosciuto anche come latte di tipo 2, è indicato per lattanti di oltre 6 mesi che hanno già iniziato l'alimentazione complementare.



Latte indicato per la soluzione di problemi:

Latte speciale con modifiche nella composizione che lo rendono adatto all'alimentazione di lattanti e bambini piccoli con problemi o limiti nei processi di assorbimento, digestione o metabolismo di qualche sostanza nutritiva, come nel caso di allergie o intolleranze.

Scegliere un buon latte in polvere significa senza dubbio scegliere il meglio per il proprio bambino. Per questo motivo conviene scegliere formule, che contengano adeguati, come ad esempio:

  • Sieroproteine bioattive: ricche di immunoglobuline e lattoferrina, necessarie alla crescita e allo sviluppo degli organi e dei tessuti e alla maturazione e al mantenimento delle difese naturali.
  • Prebiotici: come i frutto-oligosaccaridi (FOS) di origine vegetale e i galatto-oligosaccaridi (GOS) di origine lattea, che agiscono come fibra solubile e normalizzano il transito intestinale diminuendo la consistenza delle evacuazioni e aumentandone la frequenza.
  • Probiotici (Bifidobacterium infantis e Lactobacillus rhamnosus): aiutano a prevenire la diarrea e il recupero della flora, rafforzando le barriere microbiologiche del sistema digerente e stimolando il sistema immunitario.
  • Acidi grassi polinsaturi a lunga catena omega-3 e omega-6: per la crescita e lo sviluppo.
  • β-palmitato: aiuta a sfruttare al meglio i grassi e facilita l'assorbimento di calcio e magnesio, favorendo la produzione di feci più morbide e frequenti.
  • Nucleotidi: aiutano a far maturare le difese, oltre a sintetizzare le proteine e i grassi.
  • Carnitina: indispensabile per ottenere energia a partire dai grassi, il controllo della sintesi di carboidrati, il metabolismo delle proteine o la diminuzione del colesterolo e dei trigliceridi

Per l'alimentazione con latte in polvere sarà il pediatria a darti le indicazioni necessarie. Anche se le quantità sono generalmente indicate sull'etichetta del latte 1, se hai dei dubbi puoi farti guidare in modo orientativo dalla seguente tabella. Ricorda che non tutti i bambini hanno lo stesso ritmo di crescita e che alcuni possono aver bisogno di una quantità maggiore o minore di alimenti. Vedendo lo sviluppo e la crescita del neonato, potrai controllare se la sua alimentazione è corretta! La razione giornaliera di latte artificiale si calcola fino a 4 mesi utilizzando questa formula: Peso del piccolo (in Kg) x 165 ml = Quantità di latte formula

 

Età

Acqua (ml)

Nº misurini

Poppate nelle 24 ore

1ª e 2ª settimana

90

3

6

3ª e 4ª settimana

120

4

6

2º mese

150

5

6

3º mese

180

6

5

4º e 5º mese

210

7

5

Dal 6º mese in poi

240

8

4

Sembra facile, ma richiede una tecnica particolare. Prima di tutto, bisogna scegliere il tipo di acqua, preferibilmente in bottiglia (minerale naturale, di fonte, o preparata) e a mineralizzazione debole (è indicato sull'etichetta) e soprattutto a basso residuo fisso, povera di nitrati e sodio. Chiedi al tuo specialista che tipo di acqua ti consiglia, a seconda della tua area di residenza.

Per preparare il biberon si consiglia di scaldare l'acqua e di aggiungere il latte nella quantità indicata, che normalmente equivale a 1 misurino ogni 30 ml d'acqua. Il biberon deve essere sterilizzato, cosi come la tettarella e il resto degli elementi e bisognerebbe farlo prima di ogni poppata.

Ricorda! Mantieni sempre la proporzione di 1 misurino raso di latte ogni 30 ml d'acqua per evitare la iper o ipoalimentazione e usa sempre il misurino che si trova nella confezione, dato che non tutti i misurini sono uguali e della stessa grandezza.

Come sicuramente saprai, è consigliabile non conservare il latte né i biberon già preparati. Preparali nel momento in cui il tuo bambino deve consumarli. 

Se dovete uscire, puoi portare l'acqua calda in un thermos per mescolarla con la giusta quantità di latte in polvere, come consiglia la Società Europea di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione Pediatrica. 

Solo così potrai assicurarti che le caratteristiche nutritive e igieniche ottimali per l'alimentazione di tuo figlio si siano mantenute. Buona passeggiata!

Cerca prodotti

Un prodotto per ogni esigenza

Laboratorios Ordesa è in grado di offrire un'ampia gamma di prodotti di alta qualità per soddisfare le esigenze dei più piccoli. Qui puoi scoprire il prodotto più adatto all'età, all'uso, alle tappe della crescità del tuo bambino, e trovare il sapore e la consistenza perfetta. Buon appetito!