A che età vedono i neonati?

Quando nascono, i bambini hanno un'acuità visiva piuttosto limitata, possono percepire le cose, ma in modo molto sfocato e in bianco e nero. La vista è praticamente uguale a quella di un adulto solo dopo l'anno.

I neonati nascono con gli occhi praticamente sviluppati, ma non vedono chiaramente fino a dopo il compimento del primo anno. Nel caso dei nati prematuri, anche un po' più tardi.

Fin dal primo giorno di vita, i bambini sono in grado di vedere, ma all'inizio la loro vista è molto limitata perché la retina non è completamente sviluppata. Il senso della vista è il meno sviluppato al momento della nascita.

  • Quando i bambini nascono, vedono solo sagome sfocate, non riescono a distinguere tra luce e buio; percepiscono solo i cambiamenti di intensità e girano la testa se la luce è troppo intensa e dà loro fastidio. Non possono percepire oggetti a più di 25 centimetri di distanza e vedono solo in bianco, nero e grigio.
  • A un mese, cominciano a fissare lo sguardo per brevi periodi di tempo ed entro un raggio abbastanza piccolo, ma ancora non distinguono i colori e la visione continua ad essere offuscata. Non sono in grado di controllare i muscoli oculari e, talvolta, strizzano gli occhi per mancanza di controllo.
  • Tra i due e i tre mesi cominciano ad apprezzare alcuni colori primari e molto vivaci, ma non sono in grado di distinguere tonalità simili. Le immagini non sono più sfocate ad una distanza maggiore, sono in grado di fissare lo sguardo e seguire il movimento lento di oggetti a 180°.
  • A cinque mesi vedono a qualsiasi distanza, anche se continuano a percepire gli oggetti distanti in modo un po' sfocato. Sono in grado di distinguere tutti i colori primari molto a contrasto e iniziano a riconoscere volti familiari e frequenti, di solito della mamma e del papà.
  • A partire dai sei mesi, vedono in modo simile agli adulti. Cominciano a distinguere altri volti oltre a quelli dei genitori, hanno la percezione della profondità, distinguono tutti i colori primari e alcuni colori secondari e iniziano a cercare oggetti che escono al di fuori del loro campo visivo, come un giocattolo caduto.
  • Dopo i 12 mesi, i bambini hanno la vista completamente sviluppata e vedono come gli adulti. Possono distinguere oggetti di qualsiasi dimensione e di qualsiasi colore. Riconoscono le cose anche solo vedendone una parte, sono in grado di mettere a fuoco a qualsiasi distanza e profondità e distinguono varie tonalità di uno stesso colore.

Stimolare la vista dei neonati

Ciò che cattura di più l'attenzione dei più piccoli sono le cose dai colori brillanti e vivaci. Imparano dagli stimoli che ricevono dall'esterno, pertanto possiamo aiutarli a sviluppare la vista.

È importante che siano esposti alla luce naturale e non sempre a quella artificiale. È inoltre meglio mettere la culla o il box in luoghi da cui il bambino possa avere un buon campo visivo, ovvero non in un angolo.

Gli oggetti che più gli piacciono sono quelli dai colori vivaci, che brillano e di cui possono osservare il movimento. Possiamo far muovere davanti ai loro occhi giocattoli colorati, in modo che imparino a seguirne il movimento e a fissare lo sguardo.

I giocattoli che più li stimolano sono quelli dai colori forti e molto contrastanti; nei primi mesi di vita devono essere più o meno grandi in modo che possano percepirli meglio.

Ai neonati piace anche guardare i volti, quindi dobbiamo parlare con loro o cantare guardandoli direttamente. Poco a poco riconosceranno le persone che vedono con maggiore frequenza.

È importante non far pressione costantemente su di loro indicando oggetti, affinché fissino lo sguardo, o muovendoli, in quanto potrebbe risultare molto stancante.

Articoli Correlati