Che cosa fa ridere i bambini?

Il sorriso dei neonati è un momento magico che tutti i genitori aspettano con ansia, ma fino a dopo i 4 o 5 mesi, non sarà possibile vedere il piccolo ridere di gusto.

La risata, come il pianto, è una delle prime forme di comunicazione delle persone. Il sorriso dei bambini attraversa diverse fasi durante la sua evoluzione, da quando compare il primo sorriso fugace come riflesso, fino a quando iniziano a ridere di gusto.

Fasi della risata dei neonati

Nelle prime settimane di vita, i sorrisi del neonato sono riflessi, si manifestano principalmente durante il sonno e non sono volontari. Solo dopo il primo mese, iniziano a sorridere in caso di stimoli esterni e possono essere considerati come una vera e propria espressione sociale. Di solito sorridono quando riconoscono un volto familiare, ma anche quando vedono un estraneo.

A partire dai 4 o 5 mesi passano dal sorriso alla risata, che si manifesta con rumori e gorgoglii. Cominciano a divertirlo gli scherzi delle persone vicine, l'essere lanciato in aria, il solletico o il gioco del bubù-settete. A volte ride senza un motivo apparente, per cose di tutti i giorni che però lo divertono.

Dopo i 6 mesi, le risate cominciano ad essere selettive e non sorriderà agli sconosciuti. Riconosce perfettamente i volti familiari, a cui riserva i suoi sorrisi.

Verso i 7 o 8 mesi comincia a ridere di gusto. Ride forte quando è felice e si diverte. Interagisce con le persone vicine, come i genitori, i fratelli o i nonni, perché si sente insicuro di fronte agli estranei.

A partire dall'anno, si diverte per molte cose. Capisce un po' di più il mondo intorno a lui e ride di tutto ciò che è insolito, i genitori con un naso da pagliaccio o un qualsiasi altro scherzo. Sorride apertamente quando arriva una persona conosciuta e comincia a capire l'effetto che provoca la risata. Vuole partecipare a giochi e scherzi.

La risata e il sorriso sono azioni sociali che riflettono il benessere del bambino e hanno importanti benefici per la sua salute e il suo sviluppo, sia a livello fisico per via del rilascio di endorfine, sia a livello psicologico. Se i genitori vedono che il bambino non ride mai, è meglio che lo facciano visitare dal pediatra per escludere eventuali problemi.

Articoli Correlati